Belli notizie: raccontare la vita di famiglia (numerosa)

Al termine di ogni anno scrivo e diffondo tra parenti e amici il “Belli notizie“. Che cos’è? Una sintesi in 6 paginette, con foto, di quanto è accaduto durante l’anno nella nostra famiglia. Sono molte le cose belle da ricordare: prima di tutto la fortuna di avere 5 figli, nel nostro caso, e vedere come crescono. Certo, combinano anche qualche marachella ma tra dare e avere il conto, a fine anno, è largamente in positivo.

Il “Belli notizie” è scritto a quattro mani e dieci manine: scrivo una prima bozza che poi leggo in famiglia ed ognuno ha la possibilità di “censurare” episodi che preferisce non divulgare ai quattro venti. Nel “Belli notizie” infatti c’è anche dell’ironia, con leggerezza. Per non esagerare quindi coinvolgo tutti nell’utile esercizio della correzione delle bozze. Ecco qui di seguito un piccolo assaggio.

Crescere imparando sia dai grandi che dai piccoli

Il fil rouge del “Belli notizie 2017” era: “crescere imparando sia dai grandi che dai piccoli”. Ho messo insieme una serie di episodi, tratti dalla nostra telenovela famigliare, che rappresentano il concetto di educazione orizzontale. Di cosa si tratta? In parole povere, se il primogenito riceve delle istruzioni dai genitori, appena possibile cercherà di rivalersi sul fratellino più piccolo. In una famiglia numerosa quindi ognuno diventa “educatore” di tutti gli altri. Finalmente, anche i genitori imparano qualcosa dai piccoli. Spero di non aver brutalizzato il concetto, che altri potranno senz’altro esprimere meglio di me, ma il sugo è questo.

Verso una coppia felice

Una volta terminato, letto e riletto il “Belli notizie“, mi domando sempre: da dove arriva tutta questa bellezza di vita in una famiglia numerosa? Mentre mi facevo queste domande ho avuto modo di incrociare una nuova iniziativa di Marco Scarmagnani: “Verso una coppia felice – Laboratori on line“.

Se non vuoi dare per scontata la tua vita di coppia, visita il sito www.versounacoppiafelice.it.



Foto: Ivana Radic


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *